2 Accordatosi con i lavoratori per un denaro al giorno, li mandò nella sua vigna. Matteo 20: 1-16 riporta la storia di un datore di lavoro che assume operai per la raccolta dell’uva. Il regno dei cieli è simile a questa storia che racconterà Gesù. Di nuovo inviò altri schiavi, più dei primi, ma essi fecero a questi la stessa cosa”. Dunque in questa storia vediamo che un proprietario di una vigna esce molto presto la mattina,non è specificata l’ora in cui esce probabilmente era l’alba, circa le sei. Questi coltivatori sono capi della nazione d’Israele, nazione che la Bibbia identifica come la “vigna” di Dio. L'espressione degli ultimi che saranno i primi allude alla parabola evangelica di Gesù, conosciuta come "parabola dei lavoratori della vigna", presente nel Vangelo secondo Matteo 20,1-16. 1«Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa, il quale, sul far del giorno, uscì a prendere a giornata degli uomini per lavorare la sua vigna. Una sera, mentre sedevo alla mia scrivania, dopo aver pregato Dio, lessi la parabola raccontata da Gesù in Matteo 20:1-16, in cui il Regno dei Cieli viene paragonato all’ingaggio, da parte di un padrone, di lavoratori nella sua vigna, dove, indipendentemente dal fatto che essi andassero alla mattina presto, a mezzogiorno o nel pomeriggio, percepivano tutti lo stesso salario. Due chiamate ci mette innanzi il Si­gnore in questa parabola: una al lavoro, l’altra alla mercede. Una sera, mentre sedevo alla mia scrivania, dopo aver pregato Dio, lessi la parabola raccontata da Gesù in Matteo 20:1-16, in cui il Regno dei Cieli viene paragonato all’ingaggio, da parte di un padrone, di lavoratori nella sua vigna, dove, indipendentemente dal fatto che essi andassero alla mattina presto, a mezzogiorno o nel pomeriggio, percepivano tutti lo stesso salario. 20, 8 ). Gli “schiavi” sono i profeti che il “padrone di casa”, Geova Dio, mandò ai “coltivatori” della sua “vigna”. 2 Si accordò con i lavoratori per un *denaro al giorno e li mandò nella sua vigna. Nella 25.ma Domenica del Tempo ordinario la liturgia ci presenta il Vangelo (Mt 20,1-16) in cui Gesù racconta la parabola dei lavoratori della vigna Una sera, mentre sedevo alla mia scrivania, dopo aver pregato Dio, lessi la parabola raccontata da Gesù in Matteo 20:1-16, in cui il Regno dei Cieli viene paragonato all’ingaggio, da parte di un padrone, di lavoratori nella sua vigna, dove, indipendentemente dal fatto che essi andassero alla mattina presto, a mezzogiorno o nel pomeriggio, percepivano tutti lo stesso salario. 1-7); - alla sera egli paga i lavoratori (vv. 8-10); Parabola dei Lavoratori della Vigna. Parabola del padrone della vigna 1 «Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa, il quale uscì di mattino presto per assumere dei lavoratori per la sua vigna. v.1: "Il regno dei cieli è simile a un padron di casa, il quale, sul far del giorno, uscì a prendere a giornata degli uomini per lavorare la sua vigna". Questo è il contesto necessario per comprendere appieno una parabola che a prima vista urta la nostra sensibilità. Come tutte le parabole di Gesù è un racconto che intende provocare ad accogliere il ‘regno di Dio’ cioè il farsi vicino di Dio che inaugura… - Gesù fa l’annuncio di questa buona notizia in una parabola raccontata in tre scene e completata da un commento finale (v. 16): - a ore diverse, dall’alba fino al tardo pomeriggio, il padrone della vigna esce per ingaggiare lavoratori (vv. «Or venuta la sera, il padrone della vigna disse al suo fattore: Chiama i lavoratori, e paga ad essi la mercede, cominciando dagli ultimi fino ai primi» (Matt. Is 55,6-9; Fil 1,20c-27a; Mt 20,1-16a La parabola dei lavoratori nella vigna non intende dare indicazioni su come pagare i dipendenti o su come impostare i rapporti di lavoro.